R

Riccardo Sanna per il quinto anno vede un suo quadro diventare il manifesto di San Pellegrino in Fiore.   «La prima volta che un mio dipinto è diventato il manifesto di San Pellegrino in Fiore è stata nel 2007 – racconta Sanna – dopo aver conosciuto il presidente Armando Malè e il direttore artistico Fabio Fontana».

Le opere riportate sui vari manifesti di San Pellegrino in Fiore hanno riprodotto nel tempo gli scorci più famosi e intramontabili del quartiere antico. Dalle arcate di San Pellegrino, a piazza della Morte, piazza del Gesù per arrivare quest’anno a piazza San Lorenzo riportata sul manifesto con il magnifico sfondo del Palazzo papale e della loggia, su cui campeggia il maestoso leone, simbolo della città, che nell’edizione dello scorso anno dominava l’allestimento proprio di fronte al duomo, rivelandosi il protagonista più gettonato di tutto il percorso floreale. «Sono felice di avere dato il mio contributo a questa manifestazione –  dice Sanna – negli ultimi anni ho notato un impegno crescente a livello organizzativo. Oggi che la  comunicazione corre sempre più rapida e in modo indistinto su ogni cosa, spesso si rischia di cadere in una distrazione dal bello, per questo bisogna sapersi distinguere e definire un proprio profilo riconoscibile di qualità».

Biografia Riccardo Sanna. Nato a Soriano nel Cimino (VT), si è diplomato presso l’Istituto Statale d’Arte di Terni sotto la guida dei prof. Capetti e Pantaleone. Ha frequentato per un periodo i corsi liberi di pittura all’Accademia “Lorenzo da Viterbo” e all’Accademia Sevres di Parigi sotto la guida del prof. Christian Zeimert. Ha esposto fin dal 1979 in numerose mostre personali e collettive in Italia e nel Mondo. Ne ricordiamo qualcuna: 1979 Amelia (TR) – Biblioteca Comunale 1984 Spoleto (PG) – XXVII Festival dei Due Mondi 1984 Los Angeles – Centro Europeo di Iniziative Culturali in Roma 1986 Principato di Monaco – XXI Premio Internazionale d’Arte Contemporanea 1986 Gubbio (PG) – Palazzo del Bargello Tarquinia (VT) – Biblioteca Comunale Viareggio (LU) – Galleria Europa 2000 1988 Cassino (FR) – Az. Autonoma Soggiorno e Turismo 1989 Milano – Petrofil Gallery 1999 Roma – C.A.S.C. Banca d’Italia – S. Vitale 2004 Casamicciola Terme (NA) – Hotel Villa Sirena 2007 Viterbo – “La Zaffera” Soriano nel Cimino (VT) – “La Bigattiera” 2009 Montefiascone (VT) – Volodivino Orvieto (TR) – Chiesa di San Rocco 2010 Firenze Impruneta – Spazio Eventi San Paolo della Croce – “Aria e Terra” 2011 Roma – Ristorante “Isidoro” 2012 Fiuggi – Officine della Memoria e dell’Immagine 2013 Viterbo – Palazzo degli Alessandri. Fiuggi (FR)–Officina della Memoria e dell’Immagine. Gualdo Tadino (PG)– Museo della Ceramica Casa Cajani. – Chiesa Monumentale di San Francesco 2014 Orvieto (TR) – Palazzo dei Sette – Scandicci (FI) Saloncino CNA 2014-15 Castello di Sarteano – Sarteano (SI) …Nelle opere di Sanna non troviamo l’esasperazione di alcun sentimento o emozione, tutto è basato sulla riflessione di ciò che ci circonda e di quanto questo riesce a trasmettere; ecco allora che propone, con i suoi lavori, quel ritorno agli antichi valori di bellezza, quiete, armonia, un romanticismo che purtroppo, nell’attuale contesto sociale, stiamo perdendo. Francesca Pandimiglio (Conservatore dei beni culturali e critico d’arte)

Non sono presenti commenti