A

A Bariano i tronchi delle vecchie piante trovano nuova vita grazie all’iniziativa dell’associazione onlus Terranostra: diventano sculture intagliate sapientemente dalle mani di Enus Milesi.

 

A Bariano i tronchi delle vecchie piante trovano nuova vita grazie all’iniziativa dell’associazione onlus Terranostra. In un progetto legato all’abbellimento del patrimonio ambientale locale ecco che questi ceppi, ormai privi di linfa vitale, si trasformano in sculture intagliate sapientemente dalle mani di Enus Milesi. Alcuni iscritti della locale associazione onlus si sono trovati sul sentiero della camminata turistica che costeggia la stazione di Bariano, la Roggia Morla e il vicino fontanile, per realizzare, grazie all’abilità dello scultore Milesi delle particolari opere d’arte intagliate nel legno utilizzando solo ed esclusivamente una motosega.

Animali del bosco, ma anche fiori e volti alla base dei soggetti raffigurati dall’artista che sotto l’occhio vigile dei membri dell’associazione ha intagliato per tutta la giornata questi pezzi di legno rendendoli delle vere e proprie opere d’arte.  “L’idea di realizzare questo tipo di progetto è venuta a un nostro iscritto durante una fiera – spiega Daniele Icari, membro dell’associazione Terranostra Bariano –. Assistendo a un’esibizione di intaglio con l’utilizzo della motosega, ne è rimasto talmente affascinato che ci ha proposto di realizzare un progetto simile attraverso la nostra onlus, nel tentativo di abbellire questa importante camminata turistica e naturalistica.”

Il “Gruppo Ecologico Terranostra” opera infatti con i suoi nove membri del direttivo e con i suoi settanta iscritti sul territorio cittadino per promuovere e preservare il patrimonio ambientale locale, attraverso diverse attività e iniziative senza scopo di lucro destinate alla cittadinanza e ai più piccoli, come ad esempio i percorsi didattici e naturalistici realizzati in collaborazione con le scuole, utili per far conoscere ai bambini le bellezze del territorio barianese.

 

 

GALLERIA FOTOGRAFIA DI BERGAMONEWS

[Fonte: Bergamo news]

Foto ©Bergamo News

Non sono presenti commenti